HOME

Ci giunge e giriamo volentieri questa recensione

allo spettacolo del 9  agosto

“No Mobbing No Cry”

Prenota una notte di mezza Estate, mettiti d’accordo con il cielo affinchè
non piova e raccomanda al caldo soffocante di non uscire di casa e lasciare
il posto ad una tiepida aria estiva.
Prendi un giardino intitolato ad uno dei più famosi pittori impressionisti
dell’800, Monet, e aggiungici un gruppo di donne che lotta per le pari
opportunità, otterrai così la ricetta perfetta per creare una serata all’insegna
del divertimento e dell’informazione, connubio dal valore di ossimoro ma
che quando succede, diventa uno strumento di un’efficacia straordinaria.
Si può ridere delle tragedie della vita? Certamente, come per contro si può
piangere delle cose piacevoli della vita, c’è chi lo fa, fidatevi, e di solito si
lamenta senza una ragione.
Per quanto dolorose possano essere le nostre esperienze, non esiste
situazione che sfugga a questa regola, nemmeno il mobbing ed è questo
che ci hanno dimostrato le donne di P.E.N.E.L.O.P.E, con lo spettacolo
“No Mobbing No Cry” titolo parafrasato dalla celeberrima canzone di Bob
Marley, in cui lo stesso cantante dice “Andrà tutto bene”.
Un arcobaleno di emozioni: brani musicali ben eseguiti ed orchestrati
vanno sfumando in monologhi ironicamente amari che conducono alla
spiegazione chiara, efficace e diretta della dottoressa Noemi Angelini.
Cosa volere di più: chi vi ha partecipato avrà passato una bella serata
leggera ascoltando buona musica, ridendo delle performance e imparando
a capire che il mobbing è l’unica risorsa di persone deboli, indifese, prive
di capacità, il cui unico miserrimo scopo nella vita è appropriarsi della vita
degli altri, ma non di “altri qualunque”, bensì di chi ritengono più forti, più
capaci, più belli. Quindi, se vi capita di essere mobbizzati, prima di passare
all’azione, nell’attimo prima che conduce la vostra ribellione interiore e
quella pratica, provate un minuto di pietà per questa gente, guardatela per
quella che è e abbiatene compassione perché dopo tutto, voi siete sempre
voi, con le vostre qualità che vi rendono grandi e speciali, ma loro
rimarranno sempre loro con la loro mediocrità nell’insaziabile sete di
un’interiorità che non potranno mai avere.
Marzia Tavalazzi

LOCANDINA_NO_Mobbing_NO_Cry_-_MONET (1)

Martedì 9 agosto 2016, alle ore 21, nei Giardini Monet di Bordighera – nell’ambito degli eventi collegati alla mostra pittorica “Sulle tracce del reale”, organizzata dall’Accademia G. Balbo – l’Associazione P.E.N.E.L.O.P.E. proporrà lo spettacolo “NO MOBBING NO CRY”, performance teatral-musicale semiseria per aiutare a conoscere in modo ironico, efficace e corretto, questo fenomeno sociale dilagante anche nel nostro territorio. Sarà un’occasione piacevole e utile perché, “se conosci il mobbing puoi migliorarti la vita”.

Testi recitati dalla compagnia  di P.E.N.E.L.O.P.E., brani musicali a cura del Maestro Gianni Martini e della cantante Beatrice Orrigo.

La psicologa Dott.ssa Noemi Angelini proporrà brevi interventi su questo problema legato al mondo del lavoro.

SIETE  TUTTI  INVITATI

12,234 Visite totali, 17 visite odierne

Print Friendly